martedė 23 aprile 2024

02/01/2016 18:05:09 - Provincia di Taranto - Cultura

Studi archeologici nell’area della Masseria Galeota: domenica 3 gennaio, alle 10.30, visita esclusiva

Nuovi e minuziosi studi sulle origini di Taranto. Grande fermento in questi giorni per l’apertura al pubblico di una straordinaria zona archeologica a Saturo, proprio lì dove approdarono i popoli del Mediterraneo: dai Micenei ai Parteni che fondarono l’antica Taras. Oltre il Parco Archeologico (che continua a registrare importanti numeri in termini di visitatori), l’offerta turistica si arricchisce dell’area storica della Masseria Galeota, dove sono in corso ricognizioni e studi di archivio.
Non solo studio, ma anche un itinerario turistico mirato, che va ad ampliare l’offerta- già ricchissima- del Parco. Ecco allora che, domenica 3 gennaio 2016 alle 10.30, sarà possibile visitare in via esclusiva questi luoghi sconosciuti, accompagnati da guide esperte. Info e prenotazioni: 340.7641759, 333.3716589.
“Si tratta di un territorio mai studiato, che ricade nel comune di Leporano e  si trova praticamente a ridosso del Parco- commenta con entusiasmo l’archeologa Patrizia Guastella della cooperativa Polisviluppo- in sostanza stiamo restituendo alla fruizione pubblica una nuova area. Registriamo grande entusiasmo per quello che sta accadendo anche tra i colleghi del settore, che ci hanno fatto visita esprimendo tutto il loro stupore per l’area così suggestiva e assolutamente sconosciuta. Per noi è d’obbligo ringraziare pubblicamente la Masseria Galeota, nella persona del proprietario Enzo Papa, che ha sposato subito questa operazione di recupero scientifico, studio e valorizzazione. La zona è stata sempre fruibile, ma mai apprezzata per la sua importanza in termini storico-archeologici. Inoltre, in qualità di operatori da anni impegnati nel settore, abbiamo particolarmente apprezzato l’entusiasmo di Enzo Papa, che sta mettendo a disposizione anche risorse economiche proprie. Un fatto assolutamente insolito- commenta ancora Guastella- dal momento che, in genere, i privati che posseggono aree archeologiche tendono più a nasconderle che valorizzarle”.
L’area sorge nella masseria Galeota, vicina al famoso Santuario della Sorgente di Saturo che, purtroppo, è ancora preso di mira dai tombaroli, che continuano a trafugare reperti dal valore inestimabile. 13 in tutto le postazioni previste per la visita, tra grotte, cavità, tomba, vasca di raccolta, sorgente e l’antica masseria del ’700. L’itinerario inizierà con una spiegazione dei luoghi e della ricerca scientifica, con un’attenzione particolare all’habitat e alla nascita nella civiltà a Saturo. “Abbiamo immaginato un percorso guidato- spiega l’archeologo Gianluca Guastella- tra culti in grotta, mito, storia e archeologia, una vera e propria visita guidata diffusa ai beni storico archeologici del territorio di Saturo, dalla sorgente sacra al promontorio. Al termine, sarà anche possibile visitare il Parco con l’annesso villaggio dell’Età del Bronzo, il Santuario Greco, la Villa Romana Imperiale e la Torre Costiera”.
Ingresso e visita guidata 5 euro, visita guidata e aperitivo 10, visita guidata e pranzo con prodotti tipici della masseria 20 euro. Partenza ore 10:30 (Masseria Galeota, Via Masseria Carducci, n. 1, Litoranea, Località Saturo), si consiglia la massima puntualità. 









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora