24/05/2019 09:02:23 - Sava - Attualità

E’ una delle orchestre più longeve delle istituzioni scolastiche della Puglia

 

Sarà un concerto a dir poco insolito quello che l’orchestra della scuola secondaria di 1° grado dell’istituto comprensivo “Giovanni XXIII” di Sava sta preparando per questa sera (venerdì), alle ore 19.15 nell’atrio della scuola, in corso Italia, a Sava, dal titolo “Di nota in nota”.

Un concerto dalle sonorità nuove, inedite, affidate anche a voci internazionali ed inserito anche quest’anno nel calendario del Giugno Savese.

Basterebbe forse già questo per persuadere il lettore a non mancare all’appuntamento con una delle orchestre più longeve delle istituzioni scolastiche della Puglia, che quest’anno taglia il traguardo dei suoi 31 anni di attività, ben calati in una realtà cittadina in continuo fermento.

Ci piace pensare che la nostra orchestra – dichiara la dirigente scolastica Anna C. Calabrese – sia ambasciatrice non solo di buona musica, ma anche di precetti educativi essenziali ed addizionali di grande spessore. Lo dimostrano i suoi 31 anni di storia, lo dimostra la passione dei ragazzi, i loro sorrisi, lo dimostra l’alto numero di richieste anche da famiglie non savesi, che dai paesi limitrofi vengono da noi proprio per lo studio dello strumento musicale”.

Il programma del concerto di venerdì prossimo prevede un repertorio che spazia nei diversi generi musicali e frutto, oltre che dello studio curriculare dello strumento musicale, anche di un’attività PON ad esso dedicata nel corso di questo anno scolastico. Le 4 diverse tipologie di strumento presenti nella compagine orchestrale (flauti, chitarre, pianoforti e violini) si avvarranno della batteria del maestro Matteo Spinelli e di numerosi ex alunni che ogni anno rimpinguano le fila dell’orchestra, contenti di tornare, per una sera, a vestire i panni di musicisti professionisti.

Non mancheranno gli ospiti d’onore, come la prof.ssa Marica Dimaggio alla voce per una canzone decisamente pop (My life is going on, per citare solo un brano in programma); spicca il nome del tenore brasiliano maestro Etcheverry Santi Rebelatto, che, reduce da una tournèe in Giappone, arriva in Italia per duettare con l’orchestra della Giovanni XXIII.

Sicuramente non mancano le idee – conclude la dott.ssa Anna C. Calabrese – e sicuramente non mancano gli stimoli ai nostri ragazzi che, attraverso il supporto didattico e pedagogico dei docenti, li elaborano e ne diventano consapevoli fruitori e partecipatori, in quell’ottica inoppugnabile riassunta nelle sagge parole di Montesquieu: l’educazione consiste nel darci delle idee, la buona educazione nel metterle in proporzione”.



img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora