12/07/2019 08:45:19 - Provincia di Taranto - Cultura

A distanza di quasi 4 anni dalla dipartita di Giovanni Amodio, oltre 40 artisti e numerosi amici poeti e scrittori da varie parti d’Italia si incontrano per ricordarlo

 

Giovanni Amodio è stato un critico d’arte, di letteratura, teatro, nonché poeta, autore di numerose pubblicazioni ed operatore culturale, che ha vissuto a Taranto, ma ho operato anche fuori regione e all’estero. A distanza di quasi 4 anni dalla sua dipartita, oltre 40 artisti e numerosi amici poeti e scrittori da varie parti d’Italia si incontrano per ricordarlo. L’iniziativa è promossa dal Comune di Lizzano e dall’Associazione Amici dei Musei – Greci e Messapi, essendo stato Amodio un amico e collaboratore del Museo Civico di Lizzano. L’evento riporta alla ribalta l’arte contemporanea (anche con opere di artisti non più viventi) dopo anni di abulia nella nostra provincia e diventa luogo di incontro e confronto fra artisti e intellettuali da varie regioni italiane. I turisti troveranno in questo evento un’altra opportunità per apprezzare meglio il nostro territorio.

Il MUPAU, Museo Civico di Lizzano, con l’annessa Galleria Le Nicchie, sono i due contenitori che per tutta l’estate ospiteranno la mostra. Sarà un’occasione per visitare il Museo e per ammirare le opere di artisti moderni che si incontrano, nel nome di Amodio, con reperti  fossili e archeologici del passato e con opere d’arte appartenute a popoli dell’Africa e dell’Oceania.

L’inaugurazione avverrà domani (sabato), alle ore 20, con presentazione di Silvano Trevisani e Piero Massafra, presenti la pittrice Grazia Lodeserto, moglie di Giovanni Amodio ed i figli Barbara ed Antonio

La mostra, curata da Oronzo Corigliano, conservatore del Museo, durerà fino al 25 agosto ed è visitabile dalle ore 19 alle 22, dal mercoledì alla domenica.  Per info, tel 3346474766.



img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora