martedì 17 maggio 2022

15/12/2021 18:11:36 - Manduria - Cultura

Un documento raro tra le moltissime tradizioni che rievocano la Santa natività tramandato, grazie all’oralità, sino ai nostri giorni

E’ una ninna nanna in dialetto manduriano a Gesù Bambino che manifesta la devozione semplice e genuina della tradizione e della cultura del secolo scorso. In un documento-audio crediamo molto raro, viene recitata, negli anni Cinquanta del secolo scorso, da un gruppo di donne. Contiene l’annuncio della nascita di Gesù Bambino e delle amorevoli cure che gli riservano la Madonna e San Giuseppe. E’ posta in risalto la povertà in cui è ambientata quella sacra scena della Natività (e Gesù bambinu nasci cu tanta povertà, e no teni no pezzi e no fassi e mancu fuecu pi riscaldà) e si conclude con l’invito rivolto a San Giuseppe, che sarebbe accolto nella piccola camera (“cammarinu”) dell’anima delle devote.

Si tratta di una nenia piena di fascino e di dolcezza melodica, che veniva cantata nelle case, vicino al presepe, e, secondo alcune testimonianze, anche in alcune chiese. Ninna nanna che, nel video che vi proponiamo e che l'attore Claudio Cosimo Carrozzo interpreta in un video che ha pubblicato sul proprio profilo Fb e che vi proponiamo.

Questo il testo in dialetto manduriano della nenia:

Ninna nanna, ninna nanna,

è parturita la Matonna

e jè fattu nu bellu piccinnu

bianch’e russu comu miliddu.

San Ciseppu li ccatta la fassa

la Matonna lu pija e lu ‘nfassa

e lu ‘nfassa finu finu

quant’è bellu Gesù bambinu.

E Gesù bambinu nasci

cu tanta povertà,

e no teni no pezzi e no fassi

e mancu fuecu pi riscaldà’

San Ciseppu lu vicchiarellu

jeni a corchiti a casa mia

ca ti consu lu litticiellu

a lu cammarinu ti l’anima mia

 

 







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora