martedì 18 giugno 2024

25/10/2023 17:24:55 - Provincia di Taranto - Attualità

«A settembre, mese in cui si è svolta la manifestazione, il Comune ha incassato 13.781 di tassa di soggiorno, una cifra nettamente inferiore rispetto agli altri mesi estivi»

«Per il campionato del mondo a vela sui catamarani il Comune ha speso 7 milioni di euro del bilancio comunale con l’obiettivo di promuovere la città e valorizzare la presenza turistica: questa iniziativa non ha prodotto alcun ritorno turistico».

A sostenerlo è il consigliere comunale, che si sofferma sui riscontri a livello turistico di questo evento, che si è svolto il 23 e il 24 settembre.

«Per comprendere quanti turisti siano arrivati a Taranto grazie al campionato del mondo a vela sui catamarani ho fatto una interrogazione finalizzata a conoscere quanto il Comune abbia incassato di tassa di soggiorno» afferma Liviano.

«Com’è noto, la tassa di soggiorno la pagano le persone che pernottano nelle strutture ricettive (hotel, b&b) della città. Pertanto più è alto l’incasso  della tassa di soggiorno, maggiore è il numero di turisti che hanno pernottato, più è bassa, minore è la tassa di soggiorno incassata.

I risultati dell’interrogazione sono questi:

il Comune di Taranto ha incassato nel mese di giugno 20.560 euro di tassa di soggiorno; nel mese di luglio 22.960 euro; nel mese di agosto 27.739,50 euro; nel mese di settembre 13.781 euro.

Quindi nel mese di settembre (periodo in cui si è svolta la manifestazione) l’incasso della tassa di soggiorno è stata nettamente inferiore rispetto agli altri mesi estivi. Questo significa che la manifestazione non ha prodotto nessun tipo di turismo diretto nella nostra città. Potrebbe accadere che un po’ di persone, vedendo al città in televisione grazie alle immagini della manifestazione decidano nel futuro di venire a Taranto, ma turismo diretto non ce n’è stato. Anzi, l’incasso di settembre è stato meno della metà dei agosto ed inferiore anche a giugno e a luglio.

Il totale incassato come tassa di soggiorno per i mesi estivi (da giugno a settembre) è stato 85.052,60 euro. Questo significa che fatto 2 euro la tassa di soggiorno, a Taranto circa 42.500 pernottamenti estivi.

Pertanto, quando il sindaco parlava di milioni di turisti nella nostra città, è incorso in un abbaglio notevole».

 









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora