sabato 18 maggio 2024

15/12/2023 17:23:53 - Provincia di Taranto - Attualitā

Confcommercio Laboratori Analisi: «La scure che sta per abbattersi con l’applicazione del nuovo tariffario oltre a penalizzare gravemente il privato accreditato, avrà forti ripercussioni sulle strutture pubbliche, perché se quelle private saranno messe in condizione di non lavorare, la prestazione dovrà essere erogata dal pubblico»

I laboratori di analisi sono da sempre, nel centro-sud, strutture che non erogano solo le prestazioni di un laboratorio, non si comportano da centri prelievi ma, al loro interno, ci sono professionisti e specialisti che da anni sono parte integrante di una rete di assistenza al fianco del paziente e del medico. La scure che sta per abbattersi con l’applicazione del nuovo tariffario oltre a penalizzare gravemente il privato accreditato, avrà forti ripercussioni sulle strutture pubbliche, perché se quelle private saranno messe in condizione di non lavorare, la prestazione dovrà essere erogata dal pubblico. Il che andrebbe a incidere sulle casse regionali e il sistema pubblico non reggerebbe alle richieste dei cittadini. Sarannopurtroppo  loro a pagarne le conseguenze.

«Il Decreto del Ministero della Salute sulle tariffe dei nuovi ‘Livelli essenziali di assistenza (Lea)’, in attuazione del DPCM 12 gennaio 2017, mira a razionalizzare le tipologie di prestazioni e eliminare quelle obsolete, ma nella realtà presenta macroscopiche distorsioni nelle tariffe fissate tenendo conto di costi di gestione, assolutamente anacronistici rispetto a inflazione, aumento delle spese energetiche e dei prezzi delle materie prime» è riportato in una nota di Confcommercio Laboratori Analisi Taranto. «Il COVID, inoltre, ha cambiato drasticamente il concetto di assistenza sanitaria, mirando a una tipologia territoriale vicina al paziente perché più efficiente e efficace. Un sistema che con le nuove tariffe, che vengono ulteriormente abbassate nel nuovo Nomenclatore, non è più sostenibile. Parliamo di un taglio che varia dal 20 all’80 per cento delle attuali tariffe risalenti al lontano 1996.

Il Decreto ha sicuramente la finalità di aggiornare le tariffe delle prestazioni di specialistica ambulatoriale (analisi del sangue, visite mediche, esami radiologici, ecc.) affinché siano erogate in modo uniforme su tutto il territorio nazionale, ma nella realtà trascinerà i cittadini che hanno bisogno di assistenza sanitaria verso una disuguaglianza di servizi ancora più marcata. Il motivo è semplice. Le tariffe proposte non coprono i costi fissi e mettono a rischio la rete dei servizi sanitari territoriali come quella dei laboratori di analisi accreditati e convenzionati e migliaia di posti di lavoro tra medici, biologi, infermieri tecnici di laboratorio e personale amministrativo.

L’Italia è ancora divisa in due. Ogni Regione può decidere con proprie risorse di aumentare le tariffe. Le regioni del nord, da sempre, introducono fondi a sostegno del settore sanitario, mentre nel centro-sud, le Regioni meno virtuose, colpite da commissariamenti e deficit, non riescono, causa vincoli di bilancio, a integrare lo stesso tariffario, così come previsto dal decreto.

Alla luce di quanto esposto si fa appello al Ministro della Salute e al Ministro delle Finanze per prorogare l'entrata in vigore del tariffario e sostenere il tavolo ministeriale in corso, per una revisione che porti a un tariffario equo, sostenibile e che permetta alle strutture sanitarie di poter garantire il servizio così come previsto dal PNRR. In caso contrario, saranno i cittadini a dover fare i conti con il sistema sanitario più privato che pubblico, le imprese dovranno attivare la cassa integrazione o, addirittura, licenziare il personale sanitario e i laboratori di analisi, che da sempre sono la spina dorsale del sistema sanitario territoriale, potrebbero rischiare l'estinzione, a tutto beneficio di gruppi di investimento che hanno mirato, da anni, a monopolizzare il settore, dilapidando un capillare servizio di supporto al SSN».

«Le motivazioni di questa nota è chiara a tutti», spiega Claudia Sangirardi, biologa e presidente di Confcommercio Laboratori Analisi Taranto.«Il sistema assistenziale del S.S.N. va incontro a notevoli difficoltà di funzionamento. Il venir meno del ruolo fondamentale dei laboratori analisi, in termini di prevenzione e diagnosi, mette da parte i principi costituzionali che ispirarono la Riforma Sanitaria attuata con Legge 883 del 1979: concetto di salute inteso come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività. I professionisti di tutte le strutture sanitarie hanno affrontato importanti e onerosi investimenti tecnologici e di formazione del personale per adeguare gli standard qualitativi a quanto previsto dalla norma dell’accreditamento istituzionale e, grazie a questo, hanno potuto da decenni svolgere il proprio lavoro affiancando e supportando la medicina generale e i pediatri di libera scelta, fondamenta di tutto il Sistema Sanitario Nazionale», continua Sangirardi, che mette in evidenza come «la qualità ha i suoi costi incomprimibili. Il nostro auspicio è che la Regione Puglia e il Governo Nazionale, preso atto del grave disagio che comporterà l’applicazione del nuovo tariffario, possano intraprendere la già sollecitata revisione che tenga conto delle mutate condizioni del mercato».









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora