giovedì 25 aprile 2024

25/03/2024 16:37:34 - Provincia di Taranto - Attualità

«E’ proprio attraverso la cultura che, nell’ambito della finalità rieducativa della pena, si possono migliorare le qualità e le risorse personali dell’individuo»

Una biblioteca con nuovi arredi, nuovi spazi e con numerosi libri a disposizione affinché si realizzi una serie di progettualità finalizzate alla diffusione della cultura tra la popolazione detenuta.

Questo l’obiettivo della convenzione stipulata tra il Ministero della Giustizia, il Comune di Taranto e l’associazione “Noi e Voi”, che sabato scorso è stata ricordata in occasione dell’inaugurazione della sala di lettura realizzata nella casa circondariale del capoluogo ionico.

L’iniziativa, che rientra nel più vasto programma stilato dal Comune per promuovere attività culturali in ogni contesto sociale, vede nella biblioteca “Acclavio” uno degli elementi principali per l’attivazione dei processi rieducativi e riabilitativi in ambito carcerario. Allo scopo di garantire una fruibilità immediata e diretta del servizio, il personale della biblioteca comunale, diretta da Gianluigi Pignatelli, ha provveduto a coordinare la catalogazione dei testi, messi a disposizione anche da parte di avvocati penalisti e magistrati di Taranto, gettando in tal modo le basi per la creazione di gruppi di lettura e per supportare i percorsi scolastici già in atto nella sede di detenzione.

 









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora