giovedì 25 aprile 2024

28/03/2024 09:08:42 - Provincia di Taranto - Attualità

Gli interventi di restauro e miglioramento strutturale hanno compreso la ricomposizione della parte anteriore della gamba destra del Cristo, l’incollaggio e l'integrazione delle lacune sia sul complesso scultoreo che sulle mattonelle con trama musiva di fondo, e il miglioramento statico-strutturale dell'intero manufatto

 

L’Amministrazione comunale di Grottaglie è lieta di annunciare il ritorno del gioiello artistico della città, il Cristo in Croce "Il Calvario", dopo un meticoloso intervento di restauro. Realizzata nel 1958 dal rinomato artista Vincenzo De Filippis, ispirandosi alla crocifissione del Masaccio, questa opera iconica ha subito un restauro senza precedenti grazie alla preziosa collaborazione con il liceo artistico "V. Calò".

I lavori di restauro sono stati preceduti da un attento cronoprogramma. Nel 2017, l'opera è stata smontata per essere trasportata al liceo artistico "V. Calò", incaricato del restauro. Una relazione dettagliata dei professori Giovanni Spagnulo e Francesco Maggio ha evidenziato diverse problematiche strutturali e di conservazione presenti nell'opera, inclusi problemi statici significativi come lo scollamento della parte anteriore della gamba destra del Cristo in Croce.

Gli interventi di restauro e miglioramento strutturale hanno compreso la ricomposizione della parte anteriore della gamba destra del Cristo, l’incollaggio e l'integrazione delle lacune sia sul complesso scultoreo che sulle mattonelle con trama musiva di fondo, e il miglioramento statico-strutturale dell'intero manufatto.

Nel 2019 l'opera è stata restituita al Comune di Grottaglie, tuttavia, è emersa la necessità di ulteriori interventi straordinari di manutenzione della nicchia a sinistra del complesso del Calvario, stimati circa in 43 mila euro.

Durante i lavori di rimontaggio del gruppo scultoreo, si è riscontrato inoltre il problema delle mattonelle poste sul fondo della nicchia. Su indicazione della Soprintendenza, accertato che le mattonelle sono di tipo gres porcellanato a trama mosaico e che sono un’applicazione recente e tessere di pari dimensioni sono oramai fuori produzione, sono state rimosse e sostituite con intonaco traspirante contribuendo così a preservare ulteriormente l'opera e la struttura.

L'intervento ha richiesto tempo, essendo l'opera posta in un luogo di interesse nazionale come il castello Episcopio e ha coinvolto professionisti altamente specializzati come restauratori ceramici.

L’Amministrazione comunale desidera esprimere profonda gratitudine al liceo artistico "V. Calò" e a tutti coloro che hanno contribuito al restauro e al ritorno del "Calvario" nella sua piena maestosità.

La cerimonia di inaugurazione si terrà giovedì 4 aprile, alle ore 10.30 al castello Episcopio, alla presenza dell’Amministrazione comunale; del figlio del prof. Vincenzo De Filippis, Giuseppe; dell’ex preside Brigida Sforza e dell’attuale dirigente del liceo artistico “V. Calò”, Rosanna Petruzzi e dei professori Francesco Maggio e Giovanni Spagnulo.

Nonostante i lavori non siano completati, si è deciso di rendere l'opera visibile per consentire il consueto rito delle statue girate del Cristo in Croce, Cristo Morto e la Desolata, proprio ai piedi del “Calvario”, durante la processione dei Misteri del Venerdì Santo.









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora