domenica 19 maggio 2024

19/04/2024 11:19:43 - Provincia di Taranto - Cultura

Durante il travagliato ventennio nazifascista e la tragedia della II Guerra Mondiale, a Taranto si impediva lo spoglio delle antichità, che purtroppo continuava ad alimentare un fiorente mercato nero nazionale e internazionale, e a trattenere alcune delle opere più importanti dell’attuale esposizione

Mentre l’Italia attraversava il travagliato ventennio nazifascista e la tragedia della II Guerra Mondiale, a Taranto, grazie all’opera di due ispettori e poi direttori di quello che diventerà il Museo archeologico nazionale MArTA, si continuava in quegli anni nell’opera di Luigi Viola.

Da Quintino Quagliati a Ciro Drago, infatti, si impediva lo spoglio delle antichità, che purtroppo continuava ad alimentare un fiorente mercato nero nazionale e internazionale, e a trattenere proprio a Taranto alcune delle opere più importanti dell’attuale esposizione.

Sarà dedicato al racconto di queste importanti salvazioni la giornata del prossimo 25 aprile, che in tutta Italia celebrerà il 79° anniversario della Liberazione.

Il Museo archeologico nazionale di Taranto è il frutto di tutto l’impegno che uomini e donne di cultura, ispettori, soprintendenti, archeologi, misero per salvare un patrimonio che è di tutti e ora costituisce un tesoro inestimabile per la nazione, per la Puglia e Taranto – afferma la direttrice del MArTA, Stella Falzone – ed è pertanto bene ricordare che proprio grazie a loro oggi siamo in grado di ammirare ancora i preziosi ori, le ceramiche, i bronzi o i mosaici provenienti da tutta la Puglia”.

Alle 10, alle 11.30 e alle 17 le visite guidate intitolate “Il Museo in guerra: dal Fascismo alla Liberazione”, rievocheranno queste vicende.

Attraverso le sale della collezione permanente i visitatori saranno accompagnati tra i reperti legati alla direzione Quagliati, fino a quelli che caratterizzarono l’ampliamento degli spazi espositivi all’interno dell’ex Convento degli Alcantarini della direzione di Carlo Ceschi, fino ai recuperi avventurosi e rocamboleschi di alcuni monili preziosi avvenuti durante la direzione di Ciro Drago.

Il Ministero della Cultura, in occasione del 25 aprile, ha previsto l'ingresso gratuito in tutti i musei e luoghi della cultura statali, compreso il Museo archeologico nazionale di Taranto.

Le visite guidate del 25 aprile sono con prenotazione obbligatoria al numero di telefono: 099.4532112.

Nella stessa giornata, in diversi orari, potranno essere prenotate visite tematiche a pagamento a cura della società Aditus concessionaria per i servizi aggiuntivi del MArTA. Tutte le informazioni sono disponibili sul sito del Museo Archeologico Nazionale di Taranto all’indirizzo www.museotaranto.cultura.gov.it selezionando la voce “Biglietteria”.









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora