28/05/2019 10:31:20 - Sava - Cultura

Una passione coltivata dall’infanzia

L’estro di Simone Lomartire espresso nel surrealismo delle sue opere.

«Cosa dire riguardo la mia arte? Non la classica storia di una passione coltivata sin dall’infanzia, ma l’ho scoperta tardi, verso la fine delle scuole superiori» si presenta Simone Lomartire. «Ho trovato nell’arte un modo per scavare dentro me stesso e comunicare quello che sentivo. Da subito ho trovato nel surrealismo un linguaggio a me molto affine, dandomi la possibilità di esprimere ciò che con le parole trovavo incomunicabile. Da allora ho continuato la mia ricerca in questa direzione, ricercando la bellezza dell'inspiegabile. Ho frequentato e terminato la triennale in grafica all’Accademia di Belle Arti di Lecce, ma non ho mai smesso di produrre arte per me stesso. è la mia lingua personale, è lo stupore degli altri, la confusione che crea è il mio nutrimento».

A corredo di questo articolo vi proponiamo due opere di Simone Lomartire. In alto “Ragazza triste innaffia”, opera realizzata con penna e pastelli su carta

Il mondo è un giardino fiorito. Non sempre si gioisce, spesso si soffre. Alcuni fiori guardano la sofferenza, altri la assorbono, la divorano, provano a sintetizzarla per trasformarla in luce.

La seconda non ha un nome ed è il risultato di tecniche miste su carta.



img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora