14/03/2019 10:16:26 - Manduria - Attualità

«Potrà essere ancora rivista la parte progettuale relativa al sistema di scarico e alle trincee drenanti, ancora in via di perfezionamento»

«Entro la metà del prossimo mese di aprile l’Acquedotto Pugliese aprirà il cantiere e farà partire i lavori per la costruzione del nuovo depuratore di Sava -Manduria- Marine di Manduria. La comunicazione fornita ieri - nel corso dell’audizione in Commissione Ambiente - direttamente dalla struttura regionale, rappresentata dalla dirigente, ing. Valenzano e dalla dott.ssa Riccio, spero spazzi via finalmente polemiche pretestuose sull’inizio dei lavori di un depuratore che prevedeva la condotta sottomarina e lo scarico a mare» afferma il consigliere regionale Luigi Morgante. «Nonostante l’incontro dello scorso mese di febbraio da me promosso tra rappresentanti delle comunità di Avetrana e Manduria con il presidente Michele Emiliano, per valutare ulteriori istanze e proposte progettuali alternative.

Ma proprio l’ascolto delle istanze provenienti dal territorio, spesso divergenti ma comprensibili, la necessità di trovare una sintesi e la volontà di confrontarsi in maniera costruttiva da parte delle Amministrazioni interessate nelle varie conferenze dei servizi che si sono succedute e negli incontri sia istituzionali che informali ai quali ho partecipato nel mio ruolo di consigliere, hanno portato a un risultato impensabile, alla luce delle premesse. Il progetto definitivo del depuratore, infatti, non avrà lo scarico a mare e la condotta sottomarina previsti nella stesura iniziale. Potrà essere ancora rivista la parte progettuale relativa al sistema di scarico e alle trincee drenanti, ancora in via di perfezionamento, con una attenta valutazione del  riutilizzo del refluo depurato trattato, senza però mettere in discussione l’impianto complessivo dell’opera».



img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora