mercoledì 15 luglio 2020

20/06/2020 08:46:38 - Manduria - Attualità

«I proprietari delle abitazioni lungo la fascia costiera pagano regolarmente le tasse e di conseguenza non si aspettano di trovarsi ogni anno a confrontarsi con una serie di disservizi, per i quali vi chiediamo di intervenire al più presto»

Mimmo Fontana, presidente del comitato cittadino “Io amo San Pietro in Bevagna”, scrive al Comune di Manduria e alla Provincia di Taranto per sollecitare, ad ogni ente per le rispettive competenze, interventi per la risoluzione di numerosi problemi delle marine.

«Chiedo il ripristino della pubblica illuminazione in svariate vie (via dell’Amore, via della Felicità, via Tevere, via Isola di Ponza, via Lago di Bolsena e via Fellone) e interventi per il decoro urbano» scrive Mimmo Fontana. «Abbiamo appreso dell’approvazione di due determine di affidamento dei lavori per la manutenzione straordinaria della pubblica illuminazione in alcune vie di San Pietro in Bevagna e della litoranea. Ma sarebbe opportuno che il Comune abbia cura e interesse per la fascia costiera anche nel periodo invernale, per evitare di farsi cogliere impreparato, come sovente avviene, a stagione balneare iniziata. Mi auguro che queste aziende possano eseguire i lavori nel più breve tempo possibile, così da non generare un disservizio o pericoli a chi vorrà transitare e passeggiare nella nostra località marina.

Si richiede poi l’installazione dei dissuasori di velocità o di autovelox lungo tutta la via della Marina (SP 137, precisamente dalla discesa fino alla piazza centrale di San Pietro in Bevagna). Tale via viene utilizzata da alcuni automobilisti indisciplinati come autodromo, provocando incidenti e feriti, alcune volte anche molto gravi. Un’altra strada “a rischio” è quella che abbraccia l’ingresso del centro commerciale Chidro, verso Torre Colimena, passando per Specchiarica, e dal versante opposto quella che prosegue verso Torre Borraco.

E’ necessario il ripristino di tutte le passerelle di accesso alla spiaggia, talvolta impraticabili, tanto da rendere notevolmente difficoltoso l’accesso specialmente alle persone portatrici di handicap, nonché la pulizia e l’igienizzazione della spiaggia, argomento indispensabile soprattutto in questo periodo di emergenza sanitaria.

Spero che questa mia sollecitazione non rimanga nel cassetto o nella posta da leggere e che vengano effettuati almeno gli interventi richiesti, con l’auspicio che i flussi turistici per la nuova stagione estiva siano cospicui e si riversino sulla nostra costa. Evitiamo di offrire l’immagine di essere un posto da non rivisitare».




img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora