mercoledì 15 luglio 2020

22/06/2020 10:47:27 - Manduria - Attualità

La deputata del Movimento 5 Stelle Anna Macina scrive nuovamente alla Commissione straordinaria del Comune

«Per il ripristino della pubblica illuminazione in località Specchiarica, nella marina di Manduria, i commissari sono in ritardo: le determine solo arrivate solo dopo un anno».

La deputata del Movimento 5 Stelle Anna Macina scrive nuovamente alla Commissione straordinaria del Comune.

«La Commissione straordinaria del Comune di Manduria avrebbe dovuto agire con una maggiore tempestività nel ripristino dell’illuminazione della litoranea in località Specchiarica e nella promozione di un’attività di monitoraggio della zona allo scopo di contrastare gli episodi di furto che hanno portato all’interruzione di un servizio essenziale come quello della pubblica illuminazione.

Nei giorni scorsi, il Commissario straordinario dell’ente, Vittorio Saladino, ha risposto alla mia sollecitazione scritta con cui, per l’ennesima volta, avevo invitato il Comune a far fronte ad un disagio ormai annoso e inaccettabile per i cittadini. In attesa della realizzazione del nuovo impianto finanziato con l’iniziativa comunitaria E.L.E.N.A., per il quale ho chiesto ragguagli ai Commissari, non posso che stigmatizzare la mancata tempestività con cui è intervenuta la Commissione straordinaria che, solamente a distanza di un anno dal furto di rame del maggio 2019, all’origine del disservizio nella zona, con le determine dell’1.6.2020 n. 365 e dell’8.6.2020 n. 370 ha autorizzato i lavori per il ripristino dell’illuminazione. D’altro canto – sottolinea Macina - il Governo ha già destinato a Manduria, così come ad altri comuni pugliesi, risorse pari a 32 mila euro ciascuno, nell’ambito dell’iniziativa ‘Spiagge Sicure’, forse ignota alla Commissione straordinaria, allo scopo di incrementare le operazioni di controllo presso le marine.

Per accedere a questo finanziamento, già assegnato alla città, il Comune deve inoltrare formale richiesta alle Prefettura di competenza. In più è stato versato al Comune l’acconto pari a 377.044,98 euro del ‘Fondo per l’esercizio delle funzioni fondamentali’ (art. 106 del Decreto ‘Rilancio’), un fondo ad hoc istituito per garantire l’espletamento delle funzioni fondamentali, soprattutto a fronte del mancato gettito dovuto all’emergenza Coronavirus. A queste risorse si vanno ad aggiungere i 113.713,63 euro del contributo per intervento sui Comuni.

Infine sono certa – ribadisce la deputata – che la comunità manduriana apprezzerebbe la pubblicazione delle specifiche dei rimborsi delle spese sostenute dai singoli commissari, così come chiesto dalla sottoscritta e da molti cittadini. Sul tema avevo proposto, con esito positivo, la modifica della normativa vigente e l’accoglimento di un impegno preciso assunto dal Governo circa la dovuta trasparenza di emolumenti e rimborsi anche dei commissari».




img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora