giovedì 01 ottobre 2020

10/09/2020 10:40:47 - Manduria - Attualità

Il rifiuto del Ministero a concedere “una deroga ad una deroga, in assenza di qualsivoglia fondamento giuridico e normativo”

La Regione Puglia ha convocato una conferenza di servizi dopo il “no” del Ministero sulla richiesta di “una deroga ad una deroga, in assenza di qualsivoglia fondamento giuridico e normativo”. Ecco il testo della convocazione.

«Solo in data 07.09.2020 questa Autorità Competente ha appreso della nota del Ministero dell'Ambiento e della Tutela del Mare e del Territorio del 07.08.2020 con la quale, riscontrando le domande di deroga avanzate dalla Regione Puglia, ovvero le richieste di “valutare specifica deroga allo Parte III, allegato V del D.lgs 152/06, Paragrafo 2 - SCARICHI AL SUOLO- In riferimento alle distanze dal più vicino corpo idrico superficiale oltre le quali è permesso lo scarico sul suolo” in merito ai previsti scarichi degli impianti di depurazione di acque reflue urbane degli agglomerati di Nardò Porto Cesareo e Sava Manduria concludeva affermando che ... “in tale contesto la richiesta avanzata dalla Regione Puglia si configura,

di fatto, come una ulteriore deroga ovvero una deroga ad una deroga in assenza di qualsivoglia fondamento giuridico e normativo”;

detta nota è stata acquisita dall’Autorità Competente per le vie brevi e rimessa agli atti del procedimenti IDVIA 412 con prot. della sezione Autorizzazioni  Ambientali n. A00_89/10434 del 07.09.2020 e pubblicata, così come tutta la documentazione progettuale ed amministrativa acquisita durante il procedimento, ai sensi e per gli effetti dell’art.23 c. 3 e

27  bis  c.4  del TUA  sul  portale ambiente della  Regione Puglia al link: http://ecologia.regione.puglia.it/portal/VIA/Elenchi/Procedure+ViA

inserendo nel campo di ricerca la dicitura Sava Manduria;

attesi i contenuti della sopra richiamata nota del MATTM prot .62720 del 07.08.2020;

considerata pertanto la necessità di procedere all’esame ed alla valutazione delle implicazioni tecnico amministrative - conseguenti alla richiamata nota - sul procedimento in ossetto e sulla possibilità di realizzazione e successivo esercizio del progetto ad esso afferente;

questa autorità competente, visto l’art. 14 comma 1 della legge 241/1990, indice, per il giorno 24 settembre 2020 alle ore 11, conferenza di servizi in modalità sincrona, ai sensi dell’art. 14 ter della legge 241/1990.

Lo svolgimento dell’incontro, in ragione del,le contingenti misure di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID 19, avverrò su piattaforma telematica di videoconferenza Lifesize».







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora