domenica 24 ottobre 2021

22/09/2021 10:34:08 - Manduria - Attualità

A Carrozzo, che interpreterà la figura del sacerdote padre Francesco, anche un ruolo tecnico: aiuto regia

Un amore sbagliato, folle, praticamente impossibile, impastato di romantiche atmosfere, è quello messo in scena nel film di Gino Brotto dal titolo “Amore Eterno” e che sarà presentato ufficialmente a Galatina, nel convento delle Clarisse, domenica 26 settembre a partire dalle ore 19, ed ogni ora successiva per un totale di 4 proiezioni.

L’ambientazione tutta salentina offre la scena al progetto “Galatina...come eravamo”, un percorso di emancipazione culturale in retrospettiva reso abilmente attraverso il mezzo cinematografico e dedicato a tutti quelli che amano le proprie radici e le tradizioni di una terra energica e vivace come il Salento.

 

La città di Galatina ha offerto il pretesto scenografico, il regista ha sintetizzato, tra circa 160 figuranti tra comparse ed attori, luoghi ricreati ad arte e costumi d’epoca, l’atmosfera di metà Novecento. Evocativo, provocatorio, ardito... “Amore Eterno” sarà un ulteriore omaggio alla bellezza della Terra d’Otranto.

Terza edizione di “Galatina… come eravamo 2021”, manifestazione organizzata da Massimo Bello e patrocinata dal Comune di Galatina, Provincia di Lecce e Regione Puglia.

La manifestazione si svolgerà nel centro storico di Galatina e regalerà ai visitatori un entusiasmante viaggio nel tempo agli anni ’30, ’40 e ‘50. Tutto questo grazie agli organizzatori, alla bellezza del patrimonio storico della città, all’installazione di insegne delle attività commerciali, alle auto tutto rigorosamente d’epoca. Oltre alle novità che riguardano insegne, auto d'epoca, comparse e altri dettagli non di poco conto, verrà presentato un cortometraggio girato nel centro storico che rievocherà storia e tradizione del nostro luogo.

Alla realizzazione del cortometraggio c’è il regista salentino Gino Brotto (nella foto in alto), attori e comparse che hanno prestato grandissimo impegno e dedizione, impersonando con i panni dei nostri nonni in un’epoca che non va assolutamente dimenticata. Perché “Galatina… come eravamo 2021” lascerà un messaggio importante alle nuove generazioni.

Fra i protagonisti del cortometraggio anche il manduriano Cosimo Claudio Carrozzo (nella foto in basso): ha lavorato come aiuto regia e come attore, interpretando padre Francesco, intermediario/consigliere tra le due famiglie dei due giovani protagonisti, Massimo e Teresa alias Dario Pintaudi e Greta Tuma, rigorosamente di Galatina 







img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora