martedì 23 luglio 2024

14/08/2023 07:50:57 - Manduria - Attualità

Solo la scuola dell’infanzia “Borsellino” sarebbe accorpata al comprensivo “Michele Greco”

Dimensionamento scolastico, Manduria rischia di perdere un istituto comprensivo: la proposta della Regione Puglia prevede infatti l’accorpamento dell’istituto comprensivo “Don Bosco” all’istituto comprensivo “Prudenzano”, con la sola eccezione della scuola dell’infanzia “Borsellino”, che sarebbe invece accorpata all’istituto comprensivo “Michele Greco”.

Nel rispetto dei criteri esplicitati dal Ministro dell’Istruzione e del Merito, di concerto con il Ministro dell’Economia e Finanze, il contingente organico dei dirigenti scolastici e dei direttori dei servizi generali e amministrativi sarà ridotto. In forza di tale decreto, il numero di sedi scolastiche attivabili in Puglia nell’anno scolastico 2024/25 sono 569, nell’a.s. 2025/26 sono 565 e nell’a.s. 2026/27 sono 557, corrispondenti ad un ugual numero di autonomie scolastiche con un dirigente scolastico e un direttore dei servizi generali ed amministrativi. Rispetto alle 627 istituzioni scolastiche attualmente attive in Puglia, per l’a.s. 2024/25 sono previste in totale 569 autonomie con un posto di dirigente scolastico e direttore dei servizi generali e amministrativi con contratto stabile, ovvero 58 istituzioni scolastiche in meno rispetto alle attuali

Sono oggetto di riorganizzazione le istituzioni scolastiche del primo ciclo che hanno una media di iscritti alle istituzioni scolastiche comunali inferiore a 925. In tali comuni in sede di riorganizzazione il numero di autonomie dovrà essere ridotto di uno rispetto alle autonomie attuali.

Manduria ha attualmente una media di iscritti ai tre istituti comprensivi pari a 771, quindi inferiore a 925.

La proposta della Regione è dunque quella di accorpare l’istituto comprensivo “Don Bosco” (che conterebbe poco meno di 600 alunni) all’istituto comprensivo “Francesco Prudenzano” (che conta circa 850 alunni). Ad accezione della scuola dell’infanzia “Borsellino” (circa 70 alunni), che sarebbe invece accorpata all’istituto comprensivo “Michele Greco”.

In tal modo, se la proposta della Regione sarà approvata (il termine ultimo è il 30 settembre), diventando operativa con l’anno scolastico 2024-25, a Manduria resterebbero due soli istituti comprensivi: il “Prudenzano” e il “Michele Greco”.

Il “Prudenzano” conterebbe 1.323 alunni, mentre l’istituto comprensivo “Michele Greco” conterebbe 990 alunni.

Nella proposta della Regione è specificato che “con il Piano possono essere approvate azioni di riorganizzazione ulteriori o differenti, anche su proposta degli enti competenti, a parità di numero di autonomie scolastiche generate”.

Su questo Piano, infatti, dovranno esprimersi gli organi collegiali e, soprattutto, i Comuni: all’Amministrazione comunale di Manduria è affidato dunque il compito di intervenire, formulando una proposta di riorganizzazione alternativa (che andrebbe studiata), con la finalità di salvaguardare l’autonomia del comprensivo “Don Bosco”, che è un valore per tutta la città e che non andrebbe dispersa.









img
Cucina d'asporto e Catering
con Consegna a domicilio

Prenota Ora